Premio "Bioeconomy Rome" per le malattie neurodegenerative consegnato dal Presidente Napolitano a Gabriele Baj, assegnista dell’Università di Trieste

ultima modifica 28/11/2014 13:04

Gabriele Baj, assegnista di ricerca del Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università di Trieste, nel corso di una cerimomia svoltasi al Palazzo del Quirinale, ha ricevuto dalle mani del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano il Premio Internazionale "Bioeconomy Rome" 2014. Il premio è dedicato a giovani ricercatori che abbiano svolto ricerche innovative sulle malattie neurodegenerative e che abbiano prodotto risultati scientifici con un potenziale impatto socio-economico. Gabriele Baj riceve il premio per le esplorazioni innovative sull'utilizzo del Fattore Neurotrofico Derivante dal Cervello (acronimo inglese BDNF) come terapia per la Sindrome di Rett, la principale causa di ritardo mentale nelle bambine. Tra i fattori di merito valutati dalla giuria internazionale, che comprendeva il premio Nobel Tim Hunt, era considerata la presenza di brevetti nel curriculum dei candidati. " E’ una grande soddisfazione vedere riconosciuti talento e dedizione a ricerche durate un decennio. Si tratta di un importante riconoscimento che premia i migliori giovani ricercatori nazionali nel campo della ricerca sulle malattie neurodegenerative" ha commentato il prof Enrico Tongiorgi, responsabile del laboratorio dove grazie a finanziamenti di Telethon, Fondazione Foremann Casali, Beneficentia Stiftung, e progetto In-BDNF del MIUR il dott. Baj ha sviluppato modelli di colture cellulari su cui sperimentare farmaci per la cura di malattie che comportano l’atrofia dei neuroni, come la sindrome di Rett. “E’ un orgoglio per il Dipartimento di Scienze della Vita ospitare ricerche di punta come queste, oggi riconosciute dal nostro Paese e dalla comunità scientifica internazionale” ha commentato il Prof. Giannino Del Sal, direttore del Dipartimento. Alla cerimonia, svoltasi nel salone delle feste del Quirinale, sono intervenuti il ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Stefania Giannini, il presidente dell'IRBM Science Park, Pietro Di Lorenzo e il Presidente del Consorzio 'Collezione Nazionale di Composti Chimici e Centro Screening' Enrico Garaci. Il Capo dello Stato, oltre a Gabriele Baj, ha consegnato i premi "Bioeconomy Rome" 2014 ai giovani ricercatori: Paola Conforti, Giuseppe Sciamanna, Ada Ledonne, Tania Massignan.

http://www.quirinale.it/elementi/Continua.aspx?tipo=Notizia&key=48845